Il Pasticciotto Obama della Pasticceria Chèri di Campi Salentina

pasticciotto-obama-pistacchiotto-pastecceria-cheri

Pochi giorni fa pubblicavo sulla pagina Facebook uno scatto del Pasticciotto Obama, il mio dolce locale preferito. Ormai qui in Salento è un vero e proprio must: se siete qui in zona, a Lecce o dintorni, dovete assolutamente mangiarlo! Adesso, pare anche che il sito internet Travelers Today lo abbia considerato tra le 4 cose alternative o fuori dal comune da fare in Europa quest’anno. Ecco cosa dice:

Feast on an Obama Pasticciotto in Italy’s Heel
A peninsula in Italy’s heel called Salento is an off-the-radar spot in the country that offbeat travelers should consider visiting. Apart from having a delicious gooey and chocolatey desert named after the US preseident, the peninsula also boasts of beautiful beaches, baroque architecture and the finest foods and wine. It is practically living the Italian dream.

A parte le belle parole sul Salento, sulle sue meravigliose spiagge, sul barocco e sulla sua ottima cultura enogastronomica, il sito dice: andate laggiù e mangiate questo strano dolcetto scuro dal nome Obama. Ma, partiamo dall’inizio, vi racconto dapprima un po’ della sua storia. Il Pasticciotto Obama, comunemente chiamato anche solo Obama (dammi un Obama, usiamo dire qui), è una variante del pasticciotto leccese tradizionale. Il pasticciotto vero e proprio è composto da pasta frolla farcita di crema pasticcera e cotto in forno. Non c’è buona colazione al bar che non sia a base di pasticciotto, per intenderci.

pasticciotto-obama-salento

L’Obama nasce a Campi Salentina, una bella mattina di metà ottobre in piena campagna elettorale americana. Il maestro pasticciere Angelo Bisconti, insieme ad Andrea e a Federica, stavano preparando bignè. Tutto sembrava procedere per il meglio quando la monotonia della routine quotidiana li assalì. Bisognava inventare qualcosa di nuovo e di invitante. Dopo un primo momento di sconforto, all’improvviso, ecco l’idea: “Ho trovato … proviamo a fare un dolce nuovo!”, esclamò Angelo. La Pasticceria Cherì diventò, pertanto, un vero e proprio laboratorio di innovazione di prodotto. Si parte con l’aggiunta di cacao nella pastafrolla, ma l’esito è negativo. Si aggiungono zuccheri e uova con risultato non soddisfacente. Fino a che: “Cambiamo! Togliamo una percentuale di grassi e di zuccheri e aggiungiamo il cacao”.

Ne venne fuori un impasto elastico ed omogeneo confortato da un’ottima prova cottura. Per il ripieno si pensò a una crema nuova basata su zucchero, uova, farina e cacao, pastorizzando il tutto. Si riuscì poco dopo a regolare la quantità dei vari ingredienti della crema, a dare forma tonda al nascituro e cuocerlo alla temperatura ottimale. Mancava il nome. E’ la mattina del 5 novembre 2008 quando tutte le radio del mondo danno l’annuncio che Barack Obama ha vinto le presidenziali americane e che quindi è stato eletto il primo presidente di colore della storia degli USA. Voilà: benvenuto al mondo, Pasticciotto Obama.

pistacchiotto-cherì

Dove trovo il Pasticciotto Obama?
A farlo è la Pasticceria Cherì di Campi Salentina. Qui trovate due sedi. Una in centro in Via San Francesco, 3, l’altra nella Zona Industriale. Poi, lo trovate anche nei bar o nei rivenditori che si riforniscono dalla Pasticceria Cherì. Negli ultimi tempi sono venuti fuori diversi cloni, vi garantisco che io non ne ho mai trovato uno buono come l’originale. Per cui, informatevi da dove viene, quello buono è di Angelo Bisconti.

Solo Obama?
No, assolutamente! Da quel momento in poi, la Pasticceria Cherì a sfornato diverse altre varianti del pasticciotto, uno più buona dell’altra: il Pistacchiotto a base di pistacchio, un pasticciotto con l’amarena e altri ancora. Per un certo periodo pensavo fosse impossibile toccare la sacralità tradizionale del pasticciotto leccese, ma questi nuovi esemplari sono da urlo!

Se prima non si poteva ripartire dal Salento senza aver assaggiato il pasticciotto, adesso dovete aggiungere anche l’Obama, l’avevo scritto anche nel mio elenco, del tutto personale, delle 19 cose da fare assolutamente in Salento. Io intanto, ogni volta che passo da Campi Salentina, arraffo pasticciotti a più non posso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti su “Il Pasticciotto Obama della Pasticceria Chèri di Campi Salentina