Come evitare le truffe negli affitti vacanze?

spiagge-salento-puglia-meridionale-ionio

Alla luce dell’esperienza di cinque anni di gestione di affitti vacanza in Salento sul mare di Porto Cesareo attraverso la mia agenzia immobiliare a Torre Lapillo, mi sento di darvi alcuni consigli pratici per evitare le truffe sugli affitti. Sì, le truffe. In agosto, sopratutto, sentiamo o leggiamo notizie di viaggiatori delusi e incazzati per aver ricevuto fregature nell’affitto della loro casa vacanza o villa. Per avere un’idea, basta cliccare le parole “truffe affitti” su Google e leggere gli articoli o i forum nei risultati della ricerca. A mio avviso, i consigli che sto per scrivere, non sono focalizzati solo sul Salento, ma vi possono essere di aiuto in qualsiasi altra località italiana abbiate intenzione di trascorre le vostre vacanze: di truffe ne ho lette anche in altre località di mare italiane, così come anche nelle località di montagna. Cominciamo col distinguere due situazioni che possono capitarvi: la prima riguarda l’alloggio che non è conforme a quanto avevate pattuito, la seconda riguarda le case fantasma vere e proprie.

ALLOGGI NON CONFORMI ALLA DESCRIZIONE
In questo caso, voi affittate un alloggio bianco e, nella realtà, ne trovate uno nero! Mi spiego. Siete andati online, avete trovato un annuncio di una casa vacanza, avete visto le foto e letto la descrizione, avete contattato il proprietario, avete pagato la caparra. Non vedete l’ora di arrivare al mare. Bene, ci arrivate e, sorpresa: trovate un alloggio non conferme alla descrizione. Attenzione: non che sia migliore, bensì, il contrario, è un alloggio scarso! Vi faccio vedere un caso reale trovato su Tripadvisor, cliccate qui:

Le ferie di AGOSTO nel Salento (TORRE LAPILLO) ci siamo fidati delle inserzioni trovate in internet. Trovo dopo vari giorni ,un inserzione su (Kijiji) di due appartamenti di preciso, (affittasi villetta in zona tranquilla tra le spiagge più belle del Salento. Abitazione composta da due camere matrimoniali ,cucina, bagno con doccia esterna e interna, possibilità di mangiare fuori e usufruire del barbeque ,posto auto,tv,lavatrice,aria condizionata ,zona tranquilla inmersa nel verde.) Vista cosi ti sembra una villetta da sogno ,chiamo subito mi risponde il proprietario le faccio alcune domande mi sembra tutto apposto . Le invio una caparra per tutti i due appartamenti di € 500.00.. Arriva il giorno di partire partiamo di sera anche perche abbiamo 10,ore di viaggio. Arriviamo troviamo la specie di villini in una strada in’mezzo campagna con un segnale divieto mucche ,le due abitazioni non erano quelle descritte ,il bagno non sembrava per niente quello prescritto ,non parliamo della cucina ,e della lavatrice ,e poi della doccia fuori con un tubo di gomma ,e la cosa più drammatica che dovevamo andare tutti i giorni ad prenderci l’acqua con una tanica perche non era potabile.ecccccc.( Mi va bene che non sono a casa mia ,ma quando non e vivibile non si può ingannare le persone in questo modo ). Qui ho dovuto litigare e siamo andati in cerca di due appartamenti nel paese dopo 10 ore di viaggio nella settima di ferragosto.

Che situazione di m…., vero? In questo caso, ci si trova di fronte alla difformità di alloggio: io me ne aspetto uno, e me ne trovo un altro diverso. Cosa fare per evitare questa situazione?

1) Lasciate traccia scritta della conversazione. In fase di prenotazione, scrivete via email, non basatevi solo sul telefono. Stampatevi la email di conferma con la scheda dell’annuncio per far vedere direttamente al proprietario le foto che aveva messo online.
2) Chiedete informazioni dettagliate sull’alloggio. Chiedete sempre tutte le informazioni sull’alloggio: C’è la lavatrice? C’è l’aria condizionata? Mi puoi fornire l’elenco preciso delle dotazioni dell’appartamento? Posso avere le fotografie di ogni singolo ambiente così come è? A volte, io personalmente, mi meraviglio di come possiate affittare un alloggio visto su internet con quattro o cinque fotografie nella quali ad esempio mancano le foto di intere parti come il bagno, la cucina o una camera da letto.
3) Fatevi dare la localizzazione in Google Map. Al giorno d’oggi tutti andiamo sulle mappe di Google per vedere luoghi e trovare percorsi di viaggio. Fatevi inviare il punto esatto in cui si trova l’alloggio. Questo vi servirà a identificare perfettamente la distanza dal mare e dai servizi principali.

ALLOGGI FANTASMA
La seconda situazione che può capitarvi è questa: le case fantasma. Vale a dire, case che non esistono per niente. Mentre nella prima situazione l’alloggio lo trovate, ma è diverso o non conforme all’annuncio, in questo caso la casa non esiste. Qui siamo nel caso delle truffe vere e proprie: mi faccio inviare una caparra e poi sparisco. Il web ne è pieno di casi del genere, cliccate qui e qui e qui … Come fare?

1) Chiedete con chi avete a che fare. Chi è che vi sta affittando la casa? Il proprietario? Un’agenzia? Nel caso di un proprietario, dovete fidarvi senz’altro, ma fatevi inviare anche copia del contratto di locazione turistica, ricevuta del pagamento della caparra, dati del proprietario. Nel caso di un’agenzia, il discorso è più semplice perchè potete verificare la reale esistenza della stessa attraverso la Camera di Commercio.

Premesso che non voglio fare un torto ai proprietari che affittano da soli i propri immobili, ce ne sono tantissimi in maggioranza corretti e onesti e noi qui a Porto Cesareo abbiamo una rete di relazioni vasta. Vi riporto, però, i vantaggi di affidarvi a un’agenzia immobiliare riconosciuta sul territorio e con un parco clienti numeroso.

  • L’Agenzia è un intermediario. Seleziona gli immobili vedendoli personalmente e poi li propone sul mercato. L’Agenzia ci mette la faccia. Se avete problemi, sapete con chi prendervela: c’è un ufficio!
  • L’Agenzia è una garanzia. L’agenzia lavora con decine o centinaia di immobili, per cui ha tutto l’interesse a lavorare bene. E poi, oggigiorno, ci sono i commenti dei clienti …
  • L’Agenzia vi propone informazioni dettagliate. Ad esempio, parlo della nostra agenzia, per ogni annuncio di affitto noi vi forniamo: testo descrittivo dell’alloggio, numerose fotografie (ogni ambiente viene ripreso da diverse angolazioni), dettaglio delle caratteristiche e degli accessori in dotazione, planimetria dell’alloggio, eventuale video. Infine, ma non da meno, le recensioni reali di chi vi è stato in precedenza.
  • L’Agenzia tutela il pagamento. Fate attenzione alla proporzione tra la caparra da erogare come “garanzia” per la buona riuscita della locazione e il canone d’affitto. Di solito ci si attesta intorno al 30%. Ancora, attenzione a effettuare i pagamenti con metodi ritenuti non proprio sicuri: su tutti, occhi aperti a versamenti in carte prepagate, o trasferimenti via Western Union e money transfer [fonte].
  • L’Agenzia vi assiste in loco. Un volta arrivati presso l’alloggio, potrebbero sorgere dei problemi nel corso di una o due o più settimane di permanenza. Le agenzie organizzate, forniscono servizi di pronto intervento per la manutenzione e la gestione delle case. Cosa non da poco, considerando che siete in vacanza.

Fermo restando che potrebbero esserci agenzie e proprietari improvvisati, quello che mi sento di dirvi comunque alla fin dei conti è questo: sia che abbiamo di fronte un proprietario, sia che abbiate di fronte un’agenzia, chiedete informazioni, è un vostro diritto!

Se avete altri suggerimenti o esperienze da raccontare, a voi i commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *