Per la profezia dei Maya in Italia si salva solo Cisternino

Il 21 dicembre 2012 è la fatidica data della fine del mondo, secondo la profezia dei Maya. Voi direte: cosa c’entra questo con il mio blog? Vi riporto la notizia soltanto per una curiosità: parrebbe, secondo da quanto leggo in giro sul web, che l’unico posto a salvarsi dalla fine del mondo in Italia sarebbe Cisternino, in Valle d’Itria, a pochi chilometri da Alberobello. Conosco Cisternino, è un borgo incantevole, bianco, sull’altura e con una cucina ottima. Perchè si salverebbe soltanto questo paese?

Appuntamento in Fiera dell’Innovazione al MUST di Lecce

Altro tema a noi molto caro: l’innovazione. A Lecce si svolge una fiera dedicata proprio ad essa: la Fiera dell’Innovazione. Si tiene dal 21 al 24 novembre presso il Museo Storico della Città di Lecce, il MUST. E’ un evento organizzato dall’Università del Salento a cui vi invito a partecipare per vedere da vicino progetti di ricerca e tecnologia. Ufficialmente la fiera si presenta in questo modo:

Per chi ama la letteratura: Città del Libro a Campi Salentina

Per chi ama la letteratura, questa settimana è la settimana della Città del Libro, l’evento più importante in tutto il Salento con tema: i libri e la cultura. Cinque giorni di stand pieni di libri, dibattiti, incontri, scrittori, case editrici ed eventi musicali e teatrali a Campi Salentina, in provincia di Lecce. La manifestazione è giunta alla XVIII edizione e quest’anno sembra essere davvero molto interessante.

Vi suggerisco per sabato la conferenza TEDxLecce

Sabato 17 novembre se vi trovate a Lecce fate un salto alla conferenza TEDxLecce 2012 alle Officine Cantelmo. Il tema dell’incontro è di quelli che piacciono a noi: “Innovazione e Imprenditorialità”. Vi spiego, per chi non lo sapesse, che cosa è TED. Si tratta di una conferenza annuale nata a Long Beach, California, dove si riuniscono i maggiori protagonisti del “pensare” e del “fare” a livello internazionale per presentare le loro idee in pochi minuti. Tutti gli interventi sono filmati e condivisi gratuitamente sul sito ted.com. Visto il successo avuto da questa conferenza, si è pensato bene di delocalizzarlo in tutto il mondo con una serie di conferenze dal titolo TEDx, organizzate autonomamente.

3 cose da vedere assolutamente a Lecce

La Basilica di Santa Croce, l'Anfiteatro Romano e Piazza Duomo

Il centro storico di Lecce è grande e bello: centinaia di vicoletti, stradine tortuose che si perdono tra i palazzi barocchi in pietra leccese, con balconi decorati, corti piene di fiori e decine di chiese che appaiono così, all’improvviso. La cosa più bella di Lecce, secondo me, è proprio la piacevolezza nel camminare per il suo centro, fermarsi nei bar e incontrare sempre un sacco di gente per strada (a parte le ore calde delle giornate estive). Ma ci sono tre cose, secondo me, che non potete assolutamente perdere durante la vostra visita in città: la Basilica di Santa Croce, l’Anfiteatro Romano e Piazza Duomo. Ci sarebbe tanto altro da vedere e visitare, ma queste tre sono, per me, le cose più importanti. Potete anche creare il vostro mini itinerario in centro, nell’ordine che vi propongo di seguito: la vostra vacanza a Lecce vi sorprenderà!

La Basilica di Santa Croce

Meravigliosi il suo rosone e la sua iconografia sulla facciata. E’ il simbolo di Lecce, la perla dell’architettura barocca e dello sfarzo salentini. La Basilica di Santa Croce ha la particolarità di apparire tutta d’un tratto tra i vicoli del centro storico a pochi passi da Piazza Sant’Oronzo. Lungo tutta la sua facciata potete ammirare una narrazione piena di simboli, richiami religioni, santi, papi, figure retoriche, battaglie epiche tra Occidente e Oriente e tante altre curiosità. Maggiori informazioni cliccando qui.

Anfiteatro Romano
anfiteatro-romano-lecce-salento

Dalla Basilica di Santa Croce dirigetevi attraverso Via Umberto I e Via Templari in piazza Sant’Oronzo, il cuore della città. Qui, a ridosso della colonna su cui si erge Sant’Oronzo trovate l’Anfiteatro Romano. L’anfiteatro fu scoperto agli inizi del ‘900 da alcuni lavoratori durante la costruzione del palazzo della Banca d’Italia. Era del tutto coperto sotto la città, tanto che ancora adesso non è visibile al 100%. E’ la testimonianza più importante del periodo romano di Lupiae, l’antica Lecce. Si pensa sia databile tra il I e il II secolo d.C., tra l’età augustea e quella traiano-adrianea. Poteva contenere circa 25.000 mila spettatori. Maggiori informazioni cliccando qui.

Piazza del Duomo
facciata-laterale-duomo-lecce-particolare

Da Piazza Sant’Oronzo, muovetevi in direzione Via Vittorio Emanuele II, dopo poche centinaia di metri arriverete in Piazza Duomo. La caratteristica della piazza è quella di essere una piazza chiusa: vi è soltanto un entrata su di un lato, i restanti tre lati sono completamente serrati da edifici. In piazza troverete la Cattedrale con due facciate, il Palazzo Vescovile e il Seminario. Maggiori informazioni cliccando qui.

Adesso, siete nel cuore della città vecchia di Lecce. Continuate la vostra passeggiata, fate sosta in uno dei numerosi localini per pranzare o cenare e magari, segnalateci le cose da aggiungere a questa mini lista di cose da vedere a Lecce!

Il Santuario di San Cosimo alla macchia di Oria

Oria è una cittadina molto bella. E’ piena di storia. E’ bianca. Un po’ come tutte le città di questa zona della parte alta del Salento che si avvicina al confine con la Valle d’Itria. Nel mio immaginario Oria è stata sempre la città della religiosità locale perchè sede del Santuario più importante di tutto il Salento: il santuario di San Cosimo alla Macchia. I miei nonni mi raccontavano che ci andavano spesso a fare il pellegrinaggio a piedi. Dal mio paese sono poco più di 30 km, ma c’erano pellegrini che venivano anche da molto più lontano, dal Basso Salento o dalla parte centrale della Puglia, i cui viaggi a piedi duravano intere giornate. Solitamente, alla visita a San Cosimo e San Damiano di Oria si abbinava anche la visita a Santa Lucia di Erchie, distante pochi chilometri. Ancora adesso il santuario è un posto importantissimo per la religiosità locale, i pellegrinaggi si fanno ormai in auto in giornata stessa. Vi faccio vedere alcune fotografie di questo luogo e vi racconto qualche storiella ad esso legata.

2 videoclip girati sulle spiagge del Salento: Biagio Antonacci e Negroamaro

Che la mia terra stia diventando o sia diventata già l’ombellico d’Italia durante la stagione estiva lo dimostra un certo Biagio Antonacci. Il suo ultimo videclip è emblematico del fatto che il Salento ormai è un luogo mentale a tutti gli effetti, a un certo punto canta così:

non vivo più senza te, anche se, anche se con la vacanza in Salento prendo tempo dentro me

Evento da non perdere: il Mercatino del Gusto di Maglie

Uno degli eventi gastronomici più belli dell’estate salentina è senza dubbio il Mercatino del Gusto di Maglie, organizzato dal Comitato “Mercatino del Gusto” in collaborazione con l’Associazione Slow Food Puglia. Non è soltanto una semplice rassegna enogastronimica, ma un’occasione per addentrarsi tra i sapori della Puglia in un clima di convivialità e festa con danze, musiche, laboratori e libri! Durante l’evento, che solitamente si tiene nei primi giorni di agosto, il centro storico di Maglie si riempie di bancarelle di espositori regionali dislocate fra cortili, giardini, piazze, vie e palazzi: qui, potete parlare direttamente con i vari casari, pastai, vignaioli, birrai e frantoiani. Ecco nel dettaglio cosa troverete.

Esposizione di Andy Warhol – I Want to be machine a Otranto

Se passate da Otranto questa estate, vi suggerisco di prendere parte a un momento culturare e artistico come quello della mostra Andy Warhol – I Want to be machine all’interno del Castello aragonese. Una buona occasione per cogliere due piccioni con una fava: avvicinarsi al maestro della pop art Andy Warhol e scorpire il Castello di Otranto dal di dentro. Vediamo di cosa si occupa questa mostra.

ThePuglia al Bollenti Spiriti Camp 2012 a Lecce

Amici, come vedete negli ultimi giorni non sto scrivendo più con la frequenza dei mesi scorsi perchè stiamo entrando ormai nel vivo della stagione turistica e qui, il tempo, comincia a scarseggiare giorno dopo giorno! Tempo che, tuttavia, non mi mancherà giovedì prossimo 31 maggio per partecipare al Bollenti Spiriti Camp che si terrà a Lecce alle Manifatture Knos. Chi mi segue sa che mi piacciono i camp, quei luoghi collaborativi in cui le persone partecipano per condividere e apprendere in un ambiente aperto e libero. L’ultimo cui ho preso parte è stato il Travel Blogger Elevator a Roma. Potevo mancare proprio nella mia città, a Lecce? Vi spiego nel dettaglio l’evento e cosa proporrò io.