Dolci di Natale in Puglia, ricetta dei purciddhruzzi

Tra tutti i dolci tipici di Natale in Puglia, ci sono i purciddhruzzi, usati moltissimo nella zona del Salento. La ricetta ce la fornisce Lisetta de L’Orecchietta, un laboratorio di prodotti tipici locali a Guagnano – Lecce. Insieme a Lisetta abbiamo fatto una presentazione dei purciddhruzzi con questo video, di seguito la sua ricetta.

Ingredienti per l’impasto

1 kg di farina tipo 00 | 200 gr. di olio extravergine di oliva | 1 cucchiaio di zucchero | Un pizzico di sale | una spolverata di cannella | liquore d’anice qb. | vino bianco qb. | Bucce di agrumi (arancio, limone e mandarino) | 1 uovo | 1 bustina di Pane degli Angeli

Preparazione dei purciddhruzzi

Impastate il tutto. Se l’impasto è un po’ duro, aggiungete succo di agrumi. Quando avrete ottenuto un impasto moribo e ben amalgamato, lavoratelo a cordicine e tagliate a mo’ di gnocchetti piccoli (vedete foto precedente). Friggete nell’olio di oliva. Scaldate il miele in una pentola di alluminio o di rame, circa 750 gr. di miele, e appena escono le prime bollicine versate i purciddhruzzi fritti. Rivoltateli nel miele, facendo bollire un po’, circa 1 minuto e mezzo, due. E’ un’operazione delicata perchè, se il miele lo si fa bollire molto, si indurisce insieme ai purciddhruzzi, il che non va bene. A operazione ultimata, versate il tutto nei piatti di terracotta e sistemate per la presentazione aggiungendo sopra degli anesini.

La musica del video è di Bert Jerred

Please note: I reserve the right to delete comments that are offensive or off-topic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 thoughts on “Dolci di Natale in Puglia, ricetta dei purciddhruzzi

  1. Pingback: Dolci di Natale del Salento: purciddhruzzi e chinuliddhre – Episodio #07 | The Puglia
  2. Pingback: Dolci di Natale in Puglia, ricetta delle chinuliddhre | The Puglia
  3. Pingback: Auguri a tutti :) | The Puglia
  4. Grazie per presentare dettagliatamente questa ricetta che ha una delilziosa e profonda identificazione culturale salentina. A parte la piccola confusione che crea il mancato accenno alla frittura, il video e` ottimo ma la musica mi risulta abbastanza sgradevole, offensiva. La musica ha sempre avuto uno stretto collegamento con il palato di una cultura, con il gusto delle nostre mamme, nonne e bisnonne che senza dubbio non cantavano canzoni “furastere” e specialmente nei giorni intorno a Natale, facendo purciddhruzzi.

  5. Ciao Enzo, grazie per essere passato dal mio blog. Infatti, l’ho soltanto scritta nella preprazione, non ricordo il perchè non ho inserito il passaggio della frittura in video, credo perchè il video uscì maluccio, per cui lo cestinai. A presto!